VR Video: da dove iniziare

By | 19 maggio 2016

Quando le persone parlano di VR, o di video e foto a 360 gradi, c’è la tendenza a considerarle tecnologie costose, in relazione al prezzo di oltre 700 euro degli Oculus Rift, il visore più pubblicizzato sviluppato da Oculus Vr.
Se non fai parte della cerchia dei facoltosi nerd incalliti, ti consiglio di andare su Amazon e investire 10 euro sui Google Cardboard, dei semplici visori di cartone in cui inserire il proprio cellulare.

Ne esistono vari modelli, anche in plastica, con cui potrai prendere confidenza con questa tecnologia.
Una volta sottomano, ti basterà scaricare l’applicazione gratuita Cardboard e cominciare a ruotare la testa: potrai fare un salto a Times Square o passeggiare su una spiaggia a Bali, grazie all’applicazione Google Street View, oppure scattare foto panoramiche di un evento con Cardboard Camera che, con l’aggiunta del rumore di fondo, renderà ben chiaro a chi la riceve l’atmosfera che stai respirando.
Dato che l’80% delle persone che provano questi visori è alla ricerca di video, Samsung ha messo in commercio Gear 360, una videocamera a testa sferica che permette di registrare filmati a 360 gradi.
Avrà un costo accessibile, intorno ai 350 euro, e permetterà a tutti di creare foto e video panoramici.
Da semplici fruitori diventeremo tutti creatori di storie ma la differenza come al solito sarà la qualità nel farlo.

Alla prossima

Matteo Maria Bottiglieri